annalisadesiata.it annalisadesiata.it

Beethoven e il Mandolino

25.08.2021


Ludwig van Beethoven
Ludwig van Beethoven

Ludwig van Beethoven che nacque a Bonn in Germania nel 1770 e morì a Vienna nel 1827. La sua stessa esistenza fu caratterizzata da profonde sofferenze, dettate per lo più da conflitti interiori, e dalla "punta di diamante" della sua sofferenza, la malattia, che lo rese sordo molto giovane. Uomo di grandi valori, ha sempre dimostrato un'acuta sensibilità verso il "gentil sesso" che lo ha indotto inesorabilmente ad infatuarsi, se non proprio ad innamorarsi, delle giovani donne che incontrava lungo il suo cammino, sfortunatamente amore non sempre corrisposto, e a dedicar loro diverse composizioni.

Josephine de Clary
Josephine de Clary
Josephine de Clary
Josephine de Clary

Nel gennaio del 1796 L. v. Beethoven si trovava a Praga, prima tappa di una tournée europea che lo avrebbe portato sino a Lipsia e a Berlino. Fu proprio in quell'occasione che conobbe la diciannovenne e nubile Contessina de Clary-Aldringen che al tempo era considerata una virtuosa di mandolino e cantante molto apprezzata dagli esperti, come si evince anche nell'Annuario artistico edito nel 1796 a Vienna.[i]


Le opere[i] scritte dal Maestro e a lei dedicate, per mandolino e clavicembalo, sono la Sonatina op. 43a in do minore, la Sonatina op. 43b in do maggiore,[ii] l'Adagio ma non troppo op. 44a in mi bemolle maggiore e l'Andante con variazioni op. 44b in re maggiore.[iii] Sul manoscritto autografo dell'Adagio è presente l'inscrizione "Pour la belle J."[iv] ed è conservato presso il dipartimento musicale del Museo Nazionale di Praga.[v] Per la stessa L. v. Beethoven compose anche Ah, perfido op. 65 tra il 1795-96 e pubblicata nel 1805 da Hoffmeister and Kuhel.[vi] Nel 1796, quando L. v. Beethoven si stava dedicando alla composizione delle quattro "Sonatine", la relazione tra il mandolino (o altro strumento) e lo strumento d'accompagnamento era radicalmente cambiata. Non solo la parte della tastiera era scritta integralmente, ovvero senza riduzioni, ma assumeva un ruolo di ugual importanza con lo strumento "solista". La maggior enfasi posta dai compositori sulla parte della tastiera nelle Sonate, si riflette anche nei titoli, che spesso elencano gli strumenti in ordine inverso.[vii]

Sonatina in Do maggiore per mandolino e pianoforte WoO 44a Miscellanea Kafka, folio 158 recto.
Sonatina in Do maggiore per mandolino e pianoforte WoO 44a Miscellanea Kafka, folio 158 recto.

La Sonatina WoO 44a fu pubblicata per la prima volta nel Supplemento della G.A. 1888 e recentemente da Willy Hess nel nono fascicolo dei "Supplemente Zur G.A. 1965". Il manoscritto originale si conserva nella Deutsche Staatsbibliothek di Berlino. La "Sonatina" è un piccolo brano, la sua forma è, per quanto in miniatura, quella di un vero primo tempo di sonata. Pianoforte e mandolino vi hanno pari importanza, integrandosi a vicenda in una continua linea di dialogo. L'unica fonte per le Variazioni WoO 44b, consiste nella bella copia che L. v. Beethoven scrisse per Josephine che attualmente è collocata nella collezione musicale del Museo Nazionale di Praga. Fu pubblicata la prima volta a Reichenbach, Ulmann Verlag, primo fascicolo del Sudtendutsches Musikarchiv, a cura e con notizie critiche di Karl Michael Komma, nel 1940 e recentemente da W. Hess nel nono fascicolo dei Supplemente zur G.A., nel 1965. Il tema "verosimilmente" non di L. v. Beethoven, secondo il K. M. Komma, è affidato di volta in volta, in forme trasparentemente variate, all'uno o all'altro strumento, talvolta diviso fra i due.[i]

Andante e variazioni in Do maggiore per mandolino e pianoforte WoO 44b Miscellanea Kafka, folio 73 recto – abbozzi del tema principale e spunti di variazioni
Andante e variazioni in Do maggiore per mandolino e pianoforte WoO 44b Miscellanea Kafka, folio 73 recto – abbozzi del tema principale e spunti di variazioni

Il manoscritto autografo WoO 43a, fu pubblicato la prima volta nella seconda edizione del Dizionario del Grove, nel 1880, alla voce "Mandolino" (art. di A.J. Hipkins) e poi nel "Supplemento Zur G. A." curato da E. Mandyczewsky, nel 1888.

Si tratta di un piccolo pezzo in due parti, rispettivamente in do minore e do maggiore con il "da capo" e una breve "coda" che riprende lo spunto del tema iniziale in minore.

Melodia si direbbe quasi da Serenata, affidata esclusivamente al mandolino, che il pianoforte si limita ad accompagnare con molta semplicità.

Contiene un gran numero di correzioni, specialmente di abbellimenti e ripetizioni - nella prima parte - che successivamente il compositore scarta. Per quest'opera, L. v. Beethoven usò una tecnica compositiva differente, infatti, scrisse prima la linea melodica del mandolino insieme alla parte sinistra del pianoforte, in altre parole il basso, e solo in seguito si dedicò alla mano destra del pianoforte. In ultimo, quando ebbe modo di ascoltarla, apportò modifiche completamente nuove per realizzare la composizione corretta.[i] Questo manoscritto rimase in suo possesso ed in seguito fu unito con una serie di schizzi e di precedenti manoscritti autografi per formare il "Kafka Sketchbook"[ii]presente presso la British Library di Londra.

Sonatina in do minore per mandolino e pianoforte WoO 43a Miscellanea Kafka, folio 87 recto
Sonatina in do minore per mandolino e pianoforte WoO 43a Miscellanea Kafka, folio 87 recto

La Sonatina WoO 43b fu scoperta da Arthur Chitz che la pubblicò per la prima volta a Vienna in Der Merker, nel 1912.[i] Questi ne diede una breve notizia nella Zeilschrift der Internationalen Musikgesellschaft di Lipsia, nel maggio del 1912. Nel giugno successivo, la pubblicò in appendice ad un suo articolo sulle composizioni di L. v. Beethoven per mandolino e nel dicembre dello stesso anno nella Revue Musicale S.I.M. Una pubblicazione recente di Willy Hess è collocata nel nono fascicolo dei Supplemente zur GA., del 1965. Si tratta di un primo tempo di sonata in miniatura; al pianoforte è data una parte molto semplice d'accompagnamento.[ii] Questa composizione è sopravvissuta grazie a due manoscritti di L. v. Beethoven: il manoscritto autografo del compositore, situato presso la Staat-Bibliothek di Berlino e la bella copia che è collocata presso la collezione di Musica del Museo Nazionale di Praga insieme con altre composizioni musicali della famiglia Clam-Gallas.[iii]

L'assunzione secondo cui la Sonatina WoO 43b fosse già stata composta a Vienna e successivamente revisionata per la Contessina, ha fatto sì che fossero effettuati dei maldestri tentavi di ripristinare l'originale, intervenendo sulle molte correzioni presenti sul manoscritto autentico, situato a Berlino, che inoltre non presenta segni dinamici.

L. v. Beethoven ha scritto questi brani per uno strumento accordato per quinte (mi - la - re - sol) e in tutti i manoscritti autografi è indicato lo strumento Harpsichord (cembalo) come strumento a tastiera.[iv]

Adagio in Mi bemolle per mandolino e pianoforte WoO 43b Miscellanea Kafka, folio 104 recto – abbozzi.
Adagio in Mi bemolle per mandolino e pianoforte WoO 43b Miscellanea Kafka, folio 104 recto – abbozzi.
[i] Arthur Chitz a Vienna in Der Merker, 1912 (anno III), quaderno 12 (giugno), pag. 446-450. Bruers 293 - Hess 43 - KH. (WoO)44/1 - Peters 74.
[ii] WoO 44a Sonatina (Allegro, Sonatensatz) in do maggiore per mandolino e pianoforte, https://www.lvbeethoven.it/WoO044a/, ultima consultazione: 30/09/2017.
[iii] La famiglia Clam-Gallas-Gallas era ben conosciuta a Praga per il suo amore per la musica.
[iv] G. H. Verlag, "Beethoven. Werke für Mandoline und Klavier", Urtext Edition, Munich Germany, 1994, in Prefazione di Armin Raab, 1994, pp. II, III.
[i] L. M. Griffel, "Review: Lucas et Cécile, comédie mêlée d'ariettes by Joseph Quesnel; John Beckwith", in Notes, Vol. 53 n. 1, 1996, p. 279.
[ii] Il cosiddetto Kafka Sketchbook o in lingua originale Skizzenbuch "Kafka", Autograph Miscellany da circa il 1786 al 1799, Università della California a Berkley, Londra 1970, edito da Joseph Kerman, professore di musica, è una grande raccolta conservata nel British Library di Londra dal 1875 ed è costituita da singole pagine di appunti musicali, bi-fogli e quaderni, per un totale di 124 fogli. L. v. Beethoven la utilizzò come raccolta di appunti di Opere che avrebbe o aveva intenzione di completare ed anche come quaderno di appunti e abbozzi. Al suo interno sono conservate circa 300 Opere, sconosciute o note e altri appunti di vario genere. Tratto da: https://www.lvbeethoven.it/skizzenbuch-kafka/, ultima consultazione: 30/09/2017.
[i] WoO 44b Andante con variazioni in re maggiore per mandolino e pianoforte, https://www.lvbeethoven.it/WoO044b/, ultima consultazione: 30/09/2017.
[i] In merito alla catalogazione delle opere per mandolino e clavicembalo ho preferito fare riferimento al catalogo Halm Kinsky.
[ii] B. Cooper, "Beethoven", Oxford University Press, New York 2008, p. 68.
[iii] T. DeNora, "Beethoven and the Construction of Genius: Musical Politics in Vienna, 1792 - 1803", University of California Press, California 1996, p. 74.
[iv] H. P. Clive, "Beethoven and His World: A Biographical Dictionary", cit., p. 71.
[v] Sono compresi due autografi di composizioni per mandolino e clavicembalo di L. v. Beethoven. Il Dipartimento di Musica del Museo Nazionale è stato istituito nel 1946 - Museo Ceco della Musica. La raccolta si basa su un archivio musicale, composto di 122.000 manoscritti e stampe sin dall'inizio del XVIII secolo ad oggi. Tratto da: Dipartimento di storia della musica, https://www.nm.cz/detail.php?str_id=164, data ultima consultazione: 17/09/2017.
[vi] T. DeNora, "Beethoven and the Construction of Genius: Musical Politics in Vienna, 1792 - 1803", cit., p. 74.
[vii] La Sonata del 1810 di J. N. Hummel è per pianoforte con accompagnamento di violino o mandolino (obbligato), oppure la Sonata di V. Neuling del 1813 per clavicembalo e violino o mandolino.
[i] L. Della Croce, "Ludwig van Beethoven. Le nove sinfonie e le altre opere per orchestra", Edizioni Studio Tesi srl, Pordenone 1986, p. 91.
annalisadesiata.it
annalisadesiata.it